Piccole donne crescono


Avete mai guardato casualmente, verso le 9-9,30 del mattino (orario di apertura di molti uffici), alcune donne per strada?
Facce contrite, sguardo basso, con un’attenzione quasi maniacale a tombini, marciapiedi dissestati, ciottolati urbani che potrebbero nascondere mille insidie…

Cos’hanno in comune queste “Valchirie posticce”?: I TACCHI.

Nulla in contrario verso i TRAMPOLI DELLA FELICITA’ ma proprio indispensabile, per alcune donne, metterli in ogni occasione? “ALTEZZA MEZZA BELLEZZA“, cos dicono, ma vale anche per la palestra? (Ho visto signore con le scarpe da ginnastica zeppate), vale anche per la spiaggia? (infradito modificate al punto tale che anche Moira Orfei non le metterebbe per il circo). Forse no, ma per le ASSATANATE dell’altezza vivere con la pia illusione che per 10 ore al giorno sono diverse dalla LORO realt vale il dolore delle caviglie gonfie o quant’altro!

UN CONSIGLIO? E’ vero senz’altro che il tacco sfila la figura, sacrosanto, ma anche vero che MEGLIO essere serene e disinvolte su un metro e sessanta TUTTO TUO che GOFFE e doloranti MA con dieci centrimetri in pi (che tanto a letto devi togliere comunque!!).

Ricordate: SEMPRE AUTENTICHE MAI IDENTICHE.

“A piedi nudi nel parco”, buona settimana, Ary

1 comment

Add yours
  1. 1
    sid

    Ben detto. Tanto più che, a voler dirla tutta, i tacchi alti (dai 7 cm come minimo) non hanno proprio un effetto miracoloso sulla circolazione venosa e, di conseguenza, sulla cellulite. D’altra parte, andare in palestra nella pausa pranzo per rimediare al danno e poi rimettersi i tacchi ("perchè in ufficio così sono più figa…") me sembra proprio una gran cazzata…

Lascia un commento!